Tavola&Viaggi

Nuove scoperte madrilene

Madrid, oltre a essere stata la città in cui ho vissuto per 6 mesi un questo 2014 che volge al termine, è stata anche la meta di moltissimi dei miei viaggi negli ultimi anni. Fin dalla mia prima visita, che risale ormai a più di quattro anni fa, sono rimasto affascinato dalla capitale spagnola per una serie di motivi: a parte la  bellezza di tutto ciò che offre, quello che più mi piace di Madrid è l’atmosfera che si respira, davvero diversa da quella delle altre capitali europee, e il fatto che ci sia sempre qualcosa di nuovo da scoprire. Ne ho scritto tanto a proposito – e non solo dei suoi ristoranti – ma oggi voglio soffermarmi su un qualcosa di diverso dal solito; voglio raccontare di due angoli che ho scovato durante il mio ultimo viaggio nella capitale spagnola, due luoghi un po’ nascosti agli occhi dei più e che sono stato contento di trovare.

I due posti di cui vi voglio parlare sono diversi ma legati tra loro da un filo rosso che li unisce: la cultura. Il primo di questi due è una libreria che si trova immersa tra le tante vie caotiche del centro: si chiama “La Central de Callao” e ha origine nella Barcellona degli anni novanta. Questa si ripropone di costituire un progetto culturale di riferimento nella Spagna di oggi: la libreria raccoglie volumi che toccano tutti i campi dello scibile umano, dalla letteratura alla filosofia, passando per la narrativa, l’arte, la cucina, l’architettura, la poesia, la fotografia, la musica e tanto altro ancora. Pensate che nella prima sede fondata sono conservati circa 80.000 volumi. Uno dei punti di forza di questo posto è l’interesse che viene posto sulla letteratura straniera – con libri in lingua originale tra cui l’italiano, l’inglese, il tedesco, il francese e il portoghese – la quale viene ritenuta come la fonte di trasmissione delle principiali correnti intellettuali attuali (circa il 40% della collezione è in lingua originale). Oltre a trovare questa enorme varietà di libri, potete anche fermavi nel Bar/ ristorante del piano terra per leggere un quotidiano o una rivista, accompagnati da un caffè o da una tapa.

IMAG2375

El Bistro de La Central

IMG_20141104_132545

La Central de Callao

Il secondo luogo di cui vi voglio parlare è il centro culturale Conde Duque, un antico palazzo del XVIII secolo ristrutturato (l’ultima volta nel 2005) e che offre  spazi dedicati allo studio, alla cultura e alla musica. All’interno della struttura sono presenti il museo di arte contemporanea, biblioteche, un auditorio, sale dedicate a esposizioni e a mostre, e un grosso patio interno che d’estate viene adibito a cinema all’aperto, con proiezioni di film d’autore. In questo momento (fino al 26 novembre) va in scena tutte le sere una spettacolo di jazz.

IMG_20141103_185651

Centro culturale Conde Duque

Centro culturale Conde Duque

Centro culturale Conde Duque

Se non siete alla prima visita a Madrid e pensate di conoscerla già a fondo, fate un visita a uno di questi due posti e ne rimarrete piacevolmente colpiti.

La central de Callao: http://www.lacentral.com

Centro Culturale Conde Duque: http://www.condeduquemadrid.es

Foto di copertina tratta da :

http://www.condeduquemadrid.es/info/servicios/#archivo-de-villa

Annunci
Questa voce è stata pubblicata il novembre 10, 2014 alle 15:00. È archiviata in Europa, Spagna, Viaggi con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: