Tavola&Viaggi

#Portogalloswap

Non ho mai incontrato personalmente Barbara Perrone (del blog http://www.tangibiliemozioni.it) e Davide Tiezzi, ma mi sono imbattuto nel loro #Travel&swap circa un anno fa quando i due ideatori di questo progetto erano in procinto di partire per la Malesia. Scrissi un articolo (clicca qui per leggerlo) a suo tempo, sponsorizzando la loro bellissima idea, un po’ geloso della magnifica esperienza che avrebbero vissuto. Oggi, a più di dodici mesi di distanza, mi trovo qui a fare alcune domande a Barbara, che è pronta a intraprendere il terzo viaggio seguendo quella che ormai è diventata una vera e propria filosofia, ovvero il “viaggiare, con stile, barattando”.

Facciamo un passo indietro, quando e come è nata l’idea di #Travel&swap?

L’idea di quello che poi si è rivelato essere un vero e proprio format di narrazione di viaggio, ossia  Travel & Swap. Viaggiare con stile barattando, è nato quasi per gioco nell’estate 2012 quando proposi a delle strutture ricettive speciali in Toscana – Agriturismo Sant’Egle e La Ripolina – di tenere un workshop di furoshiki per tutti gli ospiti.

L’idea era quella di coinvolgere e stimolare un’esperienza nuova in cambio dell’ospitalità di una notte. A seguito di quella prima esperienza e delle maturate riflessioni, che ne sono nate hanno dato vita ad un vero e proprio format di viaggio e comunicazione, che edizione dopo edizione cresce e coinvolge sempre di più.

Com’è stato #Malesiaswap? È stato difficile trovare l’appoggio di strutture e organizzazioni?

Sarà difficile da credere, ma con #malesiaswap  non abbiamo avuto tantissime difficoltà come ci si potrebbe immaginare. Di certo non avevamo aspettative, non avevamo uno storico, era la prima edizione e, anzi, ci chiedevamo chi avrebbe avuto fiducia in noi accogliendo il progetto.

Come spesso accade, la realtà anche lì superò di gran lunga la fantasia tanto da trovare in alcuni casi a modificare il piano di viaggio, allungando il soggiorno nella città di Georgetown, dati i numerosi riscontri positivi.

Quello che mai potremo dimenticare è Jacqueline Fong. L’allora direttrice del Batik Hotel di Kuching, dopo averci dato la sua disponibilità ad ospitarci per alcune notti, una volta incontrati personalmente, compreso ancor di più lo spirito del progetto, ci chiese la possibilità di coinvolgere altri due partners sul territorio. Il giorno seguente eravamo così già pronti a scoprire le meraviglie della foresta del Borneo con Borneo Trek & Kayak Adventures e a goderci un tramonto sul fiume con Sarawak Cruise.L’esperienza malese, di certo ha creato un nuovo modo di viaggiare e vedere i luoghi.

A un anno di distanza, dopo essere stati sia in Malesia che a Oslo, siete pronti a ripartire per il Portogallo. Sensazioni e differenze rispetto agli altri viaggi (soprattutto rispetto al primo)? 

Di certo siamo più consapevoli della forza comunicativa che portiamo con noi, ma anche della necessità di non costruire un’agenda di workshop, interviste e incontri molto fitta. Questo perchè bisogna sempre tener conto che nel momento in cui si va in un nuovo posto, si ha necessità non solo si respirare e cogliere l’atmofera, ma anche di prendersi del tempo per far proprie delle sensazioni. Ogni volta portiamo con noi la stessa domanda: “Riusciremo a trasmettere la stessa energia, curiosità e voglia di conoscenza che ci anima e che ci spinge ogni volta a studiare un percorso incontrando così tante persone?”

Qual è il programma di viaggio per #Portogalloswap?

Il programma prevede la scoperta di Lisbona, attraverso non solo i luoghi che la caratterizzano, ma anche grazie all’incontro di persone che potranno raccontarci questa città in modo non convenzionale. Qualche esempio?

Incontreremo Sara, responsabile del progetto Tasa, finalizzato a riscoprire l’artigianato locale in chiave più contemporanea; incontreremo Marta per We hate Turism Tour che ci farà scoprire una Lisbona diversa. Nel mentre approfitteremo del tour per intervistarla in quanto Marta è una ragazza italiana che si è trasferita in Portogallo. Ma cosa è Lisbona senza la sua cucina? Così per non farci mancare nulla faremo anche un corso di cucina portoghese con Sandra di Kiss the Cook. Queste alcune delle chicche per cui vale la pena di seguirci. Poi seguiremo alla volta della regione dell’Alentejo dove impareremo di certo qualcosa in più sulle meravigliose posadas e aziende di vino portoghese.

Percorso portogalloswap-26/10/2014

Percorso portogalloswap

Al di là della voglia di viaggiare e di scoprire il mondo, c’è qualcosa di più che vi spinge in questa vostra avventura?

Quello che ci spinge ad imbarcarci in simili avventure è il #soulsharing, ossia la voglia di condivisione, di scoprire il cuore delle persone. Chi ha modo di seguirci, sa che ogni progetto non ci arriva preconfezionato dagli enti del turismo, anzi. Siamo noi che studiamo la destinazione, contattiamo struttura per struttura, ma solo quelle che rispondono al nostro criterio estetico e narrativo. Solo in ultima battuta o a processo avviato contattiamo alcuni enti istituzionali.

Perchè ci muoviamo in questo modo? Semplicemente perchè vogliamo raccontare le cose dal nostro punto di vista. Da qui automaticamente si selezionano anche sull’empatia i partners. Chi non coglie il senso non risponde, ma chi ci ospita sa darci il cuore. Ed è quello che noi vogliamo raccontare.

Ho visto che lo scorso anno avete avuto sponsorizzazioni importanti, qualche anticipazione per quest’anno? 

Per questa edizione la cosa che mi riempie di gioia è il consolidamento di alcune partnership, come quella con il Consorzio del Parmigiano Reggiano. Con loro ormai ci sentiamo un po’ ambasciatori del buon Made in Italy nel mondo, e grazie a loro possiamo permetterci una coccola di stile speciale. Ossia tutti coloro che ci ospiteranno riceveranno uno spicchio del nostro prezioso formaggio. Ma questa è una sorpresa.

Open. More than books, libreria speciale nel cuore di Milano che ci supporta attraverso la letteratura di viaggio e ospitandoci per la presentazione al nostro ritorno. Anzi, SAVE THE DATE : 12 Novembre ore 18.00.

Avvocuoca – Anna Patruno, che come sempre con dovizia di dettagli cura la parte food post presentazione. Si, non ci facciamo mancare nulla!

Playgraundaroundthecorner, con Mari Franzoni scopriamo le nostre destinazioni anche sotto le vesti di “cacciatori di parchi giochi” 

Tra i nuovi partners avremo:

The Wolf Socks, che con le sue simpatiche calze ci accompagnerà in questa avventura; CityTeller, l’App che attraverso citazione letterarie ci accompagnerà in questo viaggio. Intanto tra un tweet e un post leggiamo come dei matti!

Editoria Europea che ci seguirà, raccontando e condividendo il progetto. Perchè in viaggio vedremo di certo strutture da sogno e idee creative, che potranno essere poi narrate sulle due testate di punta: Casa da Sogno e Casa Creativa e non poteva mancare Virginia Travel, l’agenzia di viaggio di Francesca Biassoni, che aiuterà e seguirà tutti coloro che vorranno replicare la nostra esperienza, con una dinamica e briosa professionista di viaggi.

Come mai credi che ci sia questo grande interesse nei vostri confronti, e con questo mi riferisco non solo alle persone che vi seguono, ma anche agli sponsor che avete?

In realtà questo lo dovremmo chiedere a loro! Per quello che percepisco io, è che chi ha una visione ampia comprende che il suo nome entra in un progetto di comunicazione narrativa, fatto con il cuore e con tanto impegno. Non c’è autoreferenzialità, non ci troverete fotografati e spalmati a destra a manca con finti sorrisi. Ma c’è la voglia di stimolare la curiosità e un pensiero differente.

Vogliamo portare il pubblico a vivere ogni viaggio sotto diversi punti di vista. Vogliamo rendere tangibile la forza della condivisione. Di certo chi ci appoggia sa quello che noi amiamo, ossia fare sinergie. Da questo punto di vista il nostro obiettivo è quello di creare un team stabile di partners legati ai nostri viaggi.

Se vi ho incuriosito con questa intervista, seguite Barbara nella sua bella avventura che partirà domenica 26 Ottobre per #portogalloswap. Gli aggiornamenti li troverete a questi indirizzi:

Il Blog: https://www.tangibiliemozioni.it

Facebook: https://www.facebook.com/tangibiliemozionidicarta

Twitter: https://twitter.com/tangibiliemoz

Ci tengo a sottolineare che The Wolf Socks, uno degli sponsor di #Portogalloswap, è un progetto che sto seguendo personalmente per quanto riguarda la parte italiana. Date un’occhiata al sito, fra pochi giorni sarà disponibile in italiano —> www.thewolfsocks.com 
The Wolf Socks

The Wolf Socks

Immagine di copertina tratta da: http://portogallo.evolutiontravel.it/it_IT/tab/31991_tour-di-gruppo-sui-passi-di-giovanni-paolo-ii-in-portogallo.html

Annunci
Questa voce è stata pubblicata il ottobre 23, 2014 alle 14:16. È archiviata in Spunti con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: